Paola Barbara Gozi interviene a difesa dell’operato del SdS Beccari

30 Dic 2020

Grazie Eccellenze,

desidero esprimere pochi concetti ma ben chiari, questo perché con la presentazione di questa mozione di sfiducia si è voluto alimentare maggior confusione e allarmismo in un momento che invece esige solamente saggezza e buon senso per venirne a capo, colpendo un unico responsabile, il Segretario di Stato degli Esteri, Beccari.

Dico questo perché il presentare questa mozione indicando due Segretari di Stato per poi “indirizzare” il tutto ad un terzo, appunto Beccari, quando invece la nostra vicina Italia, ha dato a quest’ultimo fiducia, modificando in neanche 48 ore la nostra situazione e più precisamente da zona C essere inseriti in zona A, significa non aver considerato quei rapporti bilaterali che a differenza degli anni precedenti ora si sono riconsiderati.

I rapporti diplomatici nell’ultimo anno è bene ricordare, non sono stati avviati solo con Roma, ma anche con le regioni limitrofe quali Emilia Romagna e Marche, tanto per esempio per quanto riguarda il turismo, Il Segretario di Stato Pedini ha stilato con queste regioni il Tavolo Turistico Territoriale.

Se vi ricordate non da poco nella I fase dell’emergenza Covid, il Segretario degli Esteri, ha fatto sì che la Repubblica di San Marino rientrasse nel territorio unico dell’Emilia Romagna e Marche appunto.

Non dimentichiamo sempre nella I fase l’approvvigionamento di medicinali ed ausili, per esempio respiratori, mascherine di protezione per il ns ospedale.

Non è questo dovuto ad un ottimo lavoro diplomatico?

Ovviamente il Governo poteva e potrebbe fare di più, ma con le risorse finanziare davvero deboli e critiche trovate ad inizio legislatura, con la situazione pandemica a livello mondiale, con le esigenze specifiche del nostro Paese differenti da quelle italiane ed europee, si comprende chiaramente quanto sia stato difficoltoso trovare quelle sinergie, soluzioni per far sì che le nostre problematiche avessero una risposta positiva.

Poco prima di Natale invece il nostro Governo è stato ascoltato e capito, il nostro Segretario degli Esteri è riuscito a risolvere una situazione delicata che non è dipesa del tutto dal suo operato. Le scelte e strategie politiche coinvolgono invece tutti gli attori del Governo.

E poi teniamo bene in mente che come ha affermato il Segretario di Stato Ciavatta, l’andamento dell’epidemia è mutata in negativo, pertanto come si poteva proseguire nella direzione opposta!

Ciò non significa essere sottomessi, fare il copia incolla ai decreti italiani, significa che il Governo è stato responsabile per il bene e la salute del Paese.

Finalmente si sta cambiando rotta e mentalità, si pensa al Paese, si sta procedendo ad una linea politica differente, più di buon senso.

Ogni Segretario di Stato si è assunto quindi le proprie responsabilità in un periodo di epidemia mondiale, con le poche risorse finanziarie disponibili.

Ci rendiamo conto, vogliamo dirlo chiaramente come siamo partiti a gennaio?

Scusate, ma è già tanto se siamo ancor oggi seduti qui a parlarne anziché lasciare il ns Paese come hanno fatto molte famiglie sammarinesi nel 900 emigrando in Europa per cercare fortuna.

Noi abbiamo una Convenzione con l’Italia che porta l’anno 1939, più di 80 anni che la ns Repubblica mantiene saldi quei rapporti diplomatici per farci vivere sì indipendenti, ma con la possibilità di poter avere un appoggio, come in questo caso che, anche se i primi di dicembre sono state fatte scelte magari discutibili agli occhi appunto dell’Italia, queste sono state poi comprese tramite un lavoro diplomatico non indifferente e dialogo, un dialogo comprensivo tra i due Stati.

Abbiamo attraversato tanti ostacoli in questo 2020, il problema della giustizia, i rapporti con l’Italia come ho detto prima, negli ultimi anni scarsi, problemi di ordine finanziario che ci hanno portato a richiedere risorse estere, ma i risultati, se comunque con tanta fatica e lavoro, sono stati portati a compimento.

Concludo asserendo che non è proprio il caso di strumentalizzare ogni scelta, ogni piano, con l’obiettivo di creare discrepanze nel Governo perché quest’ultimo ripeto ha operato responsabilmente considerando l’andamento epidemiologico.

Mi spiace ma l’intento dell’opposizione non è andato a buon fine.

Maggioranza e opposizione è bene siano compatti proprio in questo momento difficile, in cui l’Italia, ha ascoltato e compreso le ns. difficoltà.

Pertanto questa mozione a mio avviso discutibile e contradditoria, è assolutamente da respingere considerando con obiettività quanto invece il Governo e il Segretario degli Esteri hanno prodotto sino ad ora.