Comunicato Stampa Francesca Civerchia – Consigliere PDCS

19 Feb 2021

La scelta del Governo, illustrata in questi giorni da parte del Segretario di Stato agli Affari Esteri Luca Beccari, circa la possibilità di muoversi all’interno di un orizzonte più allargato in merito all’approvvigionamento vaccinale rappresenta un passaggio all’insegna della trasparenza ma, soprattutto, necessario per affrontare correttamente l’emergenza pandemica in sinergia al Segretario di Stato alla Sanità.

Non possiamo, infatti, permetterci ulteriori attese rispetto ad una questione di primaria importanza per la nostra comunità che, in vario modo, è stata anche oggetto di iniziative e mobilitazioni di carattere sociale.

Il mio auspicio è che l’azione coordinata del Governo si muova nel solco della trasparenza anche nei rapporti con la Repubblica d’Italia e l’Unione Europea sottolineando e ribadendo l’importanza degli accordi sottoscritti e la volontà di continuare ad intensificare il percorso di relazioni che storicamente il nostro Stato ha intrecciato con questi interlocutori.

Ma, all’interno dell’emergenza pandemica, il mio pensiero va all’intera struttura sanitaria che – di fronte a numerose difficoltà – sta svolgendo con caparbietà e serietà il proprio lavoro garantendo integralmente le attività legate di carattere ordinario e straordinario.

Siamo tutti presi, inevitabilmente, dalle evoluzioni del contagio sul nostro territorio.

Ritengo, però, che superata la fase emergenziale sia doveroso riprendere il confronto in materia di pianificazione sanitaria.

Valorizzando le professionalità presenti nei vari reparti, ma anche per la grande disponibilità degli operatori che, operando oltre gli orari e turni di lavoro, hanno evitato il ridimensionamento dei servizi a vario livello.

Con il grande risultato della collocazione del titolo di Stato della Repubblica si perfeziona, infine, una partita complessa per l’attività del Governo dimostrando credibilità e fiducia degli investitori nei confronti delle politiche adottate.

In previsione dei prossimi appuntamenti istituzionali spero che le forze di opposizione scelgano di cambiare passo rispetto alle modalità del confronto che sarebbe opportuno fossero, nell’interesse di tutti, maggiormente costruttive.

In tal senso non voglio generalizzare poiché è stato manifestato l’importante senso di responsabilità da parte di alcune realtà politiche.

La crisi economica e sanitaria è ancora forte ma, nelle ultime giornate, si sono create le condizioni per iniziare a guardare al futuro con maggiore fiducia.

Francesca Civerchia