Nell’ambito del dibattito seguito al riferimento del Governo sull’attuale situazione della Cassa di Risparmio, chiesto anche anticipatamente da PDCS, PSD e PS

per ottenere dal Congresso di Stato le dovute spiegazioni sui gravi avvenimenti che hanno caratterizzato nel giro di pochi mesi il settore bancario senza che nessun confronto sia stato possibile, il Partito Democratico Cristiano Sammarinese, nella giornata di ieri, si è rivolto alla Ecc.ma Reggenza per presentare un esposto utile ad illustrare l’esistenza di un disegno opaco da cui si possono dedurre le vere cause dei comportamenti messi in atto. Il disegno, attraverso le connessioni ed i legami tra soggetti appartenenti ad alcuni organi dello Stato ed alcuni soggetti privati, sembra volto a condizionare gli interventi da fare nel settore bancario, comprese le nomine delle figure di esperto, verosimilmente a favore di alcuni deteriori interessi che non sono quelli generali del sistema.

Mai, come in questi ultimi mesi, la stampa nazionale italiana si è occupata, con assordante interesse, delle nostre vicende bancarie, riferendo fatti e circostanze coperte da segreto ed ancor prima che questi fossero conosciuti dagli organismi competenti, a dimostrazione che il tradimento viene dall’interno del nostro ordinamento e da persone che ricoprono ruoli di interesse strategico per lo Stato. La fuga sistematica di notizie fa il paio con preoccupanti anomalie che rivelano una progressiva deriva da parte di alcuni Organi della Repubblica, che si pongono al di fuori delle funzioni agli stessi attribuite.

Tali accadimenti, se osservati con occhi scevri da condizionamenti politici o liberi da difese partigiane di posizioni precostituite, risultano particolarmente pericolosi perché la questione non è semplicemente “bancaria”: infatti chi controlla il credito controlla lo Stato.

Che non sia questa la reale ragione del rifiuto del Governo e della maggioranza di fornire spiegazioni e della perentoria volontà di “tirare diritto”?!

L’invito è a leggere il materiale messo a disposizione di tutti i cittadini e a farsi un’idea autonoma della situazione. La volontà del PDCS è di incidere sulle scelte già fatte per cambiarne la direzione attraverso una adeguata presa di coscienza da parte di tutti.

Infine, in considerazione della bocciatura nel nostro ordine del giorno che chiedeva l’istituzione di una commissione d’Inchiesta paritetica, l’auspicio è che le Loro Eccellenze si facciano garanti che il Governo dia seguito alle richieste di verifica dei fatti presenti nell’esposto anche al fine di consentire al FMI di indirizzare al meglio le proprie valutazioni rispetto a San Marino.

Tutto il materiale dell’esposto è disponibile sul link:
http://www.consigliograndeegenerale.sm/on-line/home/lavori-consiliari/dettagli-delle-convocazioni/scheda17153332.html

http://www.pdcs.sm/pdcs/archivio/comunicati-stampa/item/4615-esposto-del-pdcs-alla-ecc-ma-reggenza-a-tutela-di-cassa-di-risparmio.html

San Marino, 20 aprile 2017

L’Ufficio Stampa del PDCS

Lascia un commento

Login

Privacy Policy

Cerca nel sito